Recessione gengivale news

Recessione gengivale: sintomi, cause e rimedi.

La recessione gengivale è una problematica che mette a rischio il benessere del cavo orale e l’integrità della sua struttura. 

Come prevenirla? Come riconoscerla? Quali sono le cure? 

Vediamolo insieme in questo articolo.

Partiamo dalle basi… cos’è la recessione gengivale?

Immagina che il terreno che circonda le fondamenta di casa tua si ritiri, lasciandole scoperte. Questo causerebbe non pochi problemi, giusto?

La recessione gengivale è proprio questo, un processo durante il quale le gengive si ritirano verso la radice del dente, scoprendolo sempre di più e causando diverse problematiche.

Lo sviluppo di questa condizione è piuttosto lento, per questo motivo spesso non viene diagnosticata fin da subito, ma solamente quando la situazione è già a uno stadio avanzato.

Solitamente i denti maggiormente colpiti dalla recessione sono i canini e i premolari, soprattutto in pazienti in età avanzata.

Recessione gengivale 1

Come riconoscere la recessione gengivale?

Come abbiamo scritto in precedenza, questo tipo di problematica è difficile da individuare inizialmente, in quanto piccoli disturbi gengivali spesso vengono sottovalutati.

Tra i segnali più importanti a cui prestare attenzione in questi casi vi sono:

  • infiammazione gengivale
  • aumento della sensibilità dentale
  • gonfiore gengivale
Recessione gengivale

Nei casi più gravi si potranno notare anche:

  • sanguinamento
  • ascessi
  • alitosi
  • denti che sembrano più lunghi

Quali sono le cause?

La recessione gengivale può dipendere da diversi fattori:

  • scarsa o disattenta igiene orale
  • carie
  • gengivite
  • parodontite
  • fumo
  • bruxismo
  • malattie ereditarie
  • trauma da spazzolamento

Come si previene la recessione gengivale?

Recessione gengivale 3

Fondamentale per la prevenzione di questa condizione è l’igiene orale quotidiana a casa, da svolgere con gli strumenti giusti e, soprattutto, con attenzione… senza dimenticare il filo interdentale, che con la sua azione completa l’opera dello spazzolino e assicura la rimozione accurata dei residui di cibo.

A tutto ciò è importante affiancare la pulizia dentale professionale e i controlli in studio, per monitorare e mantenere il benessere dell’intero cavo orale nel tempo.

Recessione gengivale: si può curare?

Le gengive ritirate possono influenzare negativamente non solo il benessere, ma anche l’estetica del sorriso. 

Se noti sintomi di recessione gengivale rivolgiti subito al tuo dentista, per evitare che la situazione peggiori, lui saprà consigliarti il modo migliore di agire.

Recessione gengivale 4

Nel caso in cui si verificassero perdite importanti di tessuto, l’odontoiatra potrà valutare la possibilità di intervenire chirurgicamente con un innesto, andando a ripristinare la normale struttura delle gengive. Questa pratica è nota come Chirurgia Mucogengivale e consente di ripristinare il volume e l’altezza del parodonto con un semplice innesto di tessuto epitelio-connettivo (di norma prelevato direttamente dal palato dello stesso paziente). 

Si tratta di una pratica estremamente sicura, in particolare nelle capaci mani del Dr. Filippo Minutoli, che ti consentirà di ritrovare la completa estetica e funzionalità del tuo sorriso. 

Desideri saperne di più o prenotare una visita di controllo?

Contattaci, siamo a tua completa disposizione.
Seguici su Facebook e Instagram per rimanere aggiornato sulle ultime novità riguardo lo Studio Dentistico Dr.Filippo Minutoli, il tuo dentista di fiducia a Brescia.

Tabella dei Contenuti